UNA PIANTA DALLE PROPRIETA’ MAGICHE

UNA PIANTA DALLE PROPRIETA’ MAGICHE

30 Aprile 2019 4 Di QRS360

L’Aglio è una pianta coltivata da tempo antichissimo.

Linneo indica la Sicilia come la patria della pianta. Kunth indica l’Egitto.

Alcuni Autori affermano che l’unico paese dove l’Aglio è stato trovato allo stato selvatico in maniera certa è la Cina. Altri ricercatori sostengono di averlo trovato spontaneo in India.

Oggi l’Aglio viene coltivato in tutti i continenti ed è principalmente noto per l’uso culinario.

In Italia viene coltivato maggiormente in Campania, Sicilia, Veneto ed Emilia-Romagna (degno di nota l’Aglio di Voghiera, nella provincia di Ferrara, per la sua specifica identità genetica).

L’etimologia del nome botanico deriva dalla parola celtica “all” ossia bruciante, con allusione al sapore, e dal latino “sativum” che significa “che si può seminare”. Documenti storici e credenze popolari (come la presunta capacità di tenere lontano i vampiri) sono una testimonianza del potere dell’Aglio

Aglio

Nome botanico: Allium sativum 

L.Famiglia: Liliaceae

Parti usate: bulbilli

Descrizione botanica

L’Aglio è una pianta erbacea perenne, coltivata come annuale. I veri organi di propagazione sono gli spicchi o bulbilli, che a gruppi di 5-20 formano il bulbo o capo o testa. Questo è avvolto da una serie di foglie dette tuniche sterili con funzione protettiva.

I bulbi dell’aglio devono essere conservati in luogo fresco e ventilato in cassette o appesi intrecciati nelle tipiche “reste”.

Composizione chimica

Composti solforati quali allicina, ajoeni, vinilditiine, tiosulfinati, diallilsulfuri.
Nel bulbo integro i composti solforati sono rappresentati principalmente da alliina; quando il bulbo viene macinato si libera l’ezima allinasi che rapidamente trasforma l’alliina nel rispettivo acido sulfenico (responsabile del caratteristico odore dell’Aglio); successivamente, per autocondensazione, si formano tiosulfinati quali l’allicina.

L’enzima allinasi è inattivato dal calore e questo spiega perché l’Aglio cotto emani meno odore dell’Aglio crudo ed eserciti minori attività farmacologiche.

Aglio

L’aglio è una delle piante medicinali considerate da sempre indispensabili, poiché dotata di infinite proprietà salutari.

L’aglio si presenta come pianta erbacea alta dai 30 agli 80 cm, che allo stato selvatico è perenne, mentre coltivata si propaga esclusivamente per via vegetativa a causa della sua sterilità.

L’aglio possiede una parte ipogea costituita principalmente dal bulbo, rivestito da involucri rossicci e composto a sua volta da numerosi bulbi più piccoli, gli spicchi, che forniscono la droga, cioè la parte utilizzata in campo fitoterapico.

Il bulbo dell’aglio è uno dei rimedi più antichi e diffusi dalla medicina popolare.

Aglio e allicina

Aroma e proprietà antibatteriche

I composti solforati contenuti nell’aglio sono responsabili della formazione del tipico odore, in particolare l’allicina: questa viene liberata quando l’enzima allinasi agisce sull’alliina, un composto incolore ed insapore che rappresenta il componente principale della droga fresca.

L’aglio sprigiona il suo odore caratteristico ogni volta che viene “danneggiato”, per esempio durante la masticazione, il taglio, oppure la spremitura; questo è il motivo per cui gli spicchi interi non hanno odore.

http://tutelaerisarcimentodanni.it/index.html

In effetti, nella cellula intatta l’alliina e gli altri solfossidi sono confinati nel citoplasma, mentre il suo enzima idrolitico – allinasi – è presente solo nel vacuolo: la distruzione della struttura cellulare dell’aglio libera così il suddetto enzima, che determina idrolisi dei solfossidi e loro trasformazione in disolfuri e trisolfuri.

L’allicina è un antibiotico notevole, il cui forte potere inibente su numerosi tipi di batteri (tra cui quelli responsabili del tifo) venne notato già nel 1858 da Louis Pasteur.
Oltre all’allicina, l’aglio contiene altre sostanze antibatteriche come la garlicina; è ricco di sostanze minerali ed oligominerali, quali magnesio, calcio, fosforo, iodio e ferro; sono presenti tracce di zinco, manganese, selenio, vitamina C (solo nell’aglio fresco), provitamina A, vitamine B1-B2-PP; contiene sostanze ormono-simili ed enzimi (lisozima e perossidasi).

Proprietà Curative

Tra le numerose proprietà ascritte all’aglio c’è quella di donare alla pelle un aspetto sano e di favorire la crescita dei capelli; tale effetto è dovuto alla presenza dell’acido fitinico, che da un lato lega le sostanze minerali e dall’altro può essere trasformato in inositolo, una sostanza simile alle vitamine in grado di stimolare la crescita cellulare.

L’aglio contiene anche alcaloidi che svolgono un’azione simile a quella dell’insulina, abbassando il livello di glicemia nel sangue: per questa ragione l’aglio è considerato un valido supporto nelle terapie contro il diabete ed in altre malattie legate al metabolismo degli zuccheri.

http://WWW.MARCHIEDILIZIACASA.IT

L’aglio rafforza il sistema immunitario ed agisce come potente battericida su tutto l’organismo; è un potentissimo vermicida, un regolatore della pressione arteriosa (agisce provocando vasodilatazione delle arteriole e dei capillari), riduce il rischio di sclerosi delle arterie, previene l’aggregazione piastrinica (di conseguenza la formazione di trombi), regolarizza il tasso di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Una delle proprietà più importanti ed interessanti dell’aglio è quella riguardante la sua caratteristica funzione antibiotica (azione batteriostatica e battericida sia verso i Gram+ che i Gram-): è infatti un valido antibiotico da utilizzare nei casi i cui la flora batterica intestinale sia stata alterata da cure precedenti. A differenza degli antibiotici di sintesi, l’aglio – mentre si occupa dei batteri patogeni – non solo non attacca la flora batterica saprofita, ma ne favorisce addirittura il ripristino.

Questa pianta costituisce un ottimo rimedio contro meteorismo e crampi addominali, ed è utilissima anche in caso di diarrea acuta e cronica o feci muco-sanguinolente (dissenteria).
Studi clinici hanno riportato l’azione dell’aglio anche nei confronti dell’Helycobacter pylori, il batterio in parte responsabile dell’ulcera gastrica e dello sviluppo di forme tumorali allo stomaco.

Un’altra proprietà dell’aglio è quella di proteggere dai pericolosi metalli pesanti, sostanze molto dannose che entrano nell’organismo attraverso smog, frutta ed ortaggi contaminati; gli organi maggiormente colpiti dai metalli pesanti sono i polmoni, i reni, il fegato ed il sistema nervoso, con effetti che vanno dal sintomo immediato sino a manifestazioni patologiche a distanza di diversi anni. In che modo agisce l’aglio in questo senso?

Si comporta da chelante: in pratica, i composti solforati presenti tra le molecole dell’aglio si legano stabilmente alle molecole di mercurio, piombo e cadmio presenti nell’organismo, che in questo modo vengono eliminate con facilità.

Effetto del Calore

Come abbiamo visto l’aglio possiede molte proprietà curative, tuttavia c’è da tener presente un’accortezza: se si desidera utilizzare l’aglio come antibiotico bisogna considerare il fatto che questo perde molte delle sue proprietà durante la cottura, quindi occorrerebbe evitare di sottoporlo a temperature troppo elevate e/o a cotture prolungate.

Effetti Collaterali

aglio controindicazioni

L’aglio, a parte casi di allergie o intolleranze individuali, non comporta grossi effetti collaterali; tuttavia, l’uso continuativo può portare odorizzazione dell’alito e della pelle.

A dosi elevate l’aglio può portare gastriti, nausea, vomito e diarrea (per aumento della produzione di acido cloridrico), quindi è controindicato in soggetti affetti da ulcera peptica e gastrite.

Non utilizzare in gravidanza ed allattamento.

SE VI E’ PIACIUTO CHIEDETEMI ALTRI AGGIORNAMENTI.